Benvenuti!!! Welcome!!!

05 - 12 - 2012
Ed ecco il lieto evento, è nata un'aragosta blu!!!
Perché l'aragosta blu? Intorno a giugno del 2012 fu pescato un'esemplare di aragosta blu in Nuova Scozia, Canada. La probabilità di trovarne una è all'incirca una su due milioni. Il particolare colore è dovuto a un difetto genetico del pigmento del carapace, un po' come le tigri o i leoni albini.Mi sembrava quindi carino identificare il mio blog come qualcosa che va oltre le solite ricette di cucina. Qui si parlerà di tecniche, di cucina della nonna, di metodi dimenticati, di cene a tema per stupire, di etnico, di preparazioni fatte in casa. Tutto quello che riguarda la cucina in un discorso un po' più vasto e diverso dal solito.Condividerò quindi 20 anni circa di ricerca, di studio, di osservazioni e di tanta passione. Adesso accomodatevi e prendiamoci un caffè...

sabato 12 gennaio 2013

Polenta con la fontina valdostana

 



 MMMMMMMMMMMM... che voglia di una polenta calda e fumante mentre fuori fra freddo, magari piove, o addirittura comincia a nevicare!!! In Val d'Aosta, dopo qualche ora di cammino per raggiungere i rifugi, quando l'alito si condensava dal freddo e cominciavi a sentire le mani e i piedi intirizziti, entrare in una trattoria e chiedere un bel piatto di polenta alla valdostana era un ristoro per il cuore e per la mente, oltre che per il corpo.

     In casa non c'è questa atmosfera, ma proviamo a ricrearla in minima parte facendoci una polenta con la fontina, e se da un ottimo formaggiaio riusciamo a trovarne una bella "odorosa" come quella valdostana la magia è compiuta!!! Vietati in questa caso i succedanei di qualunque tipo!!!!

INGREDIENTI:
polenta
fontina VERA VALDOSTANA circa 500 g.
(a seconda della quantità di polenta)
burro
parmigiano

PREPARAZIONE:

     Cominciamo a fare la polenta come è descritto qui, non facciamola troppo dura se no avremo delle difficoltà a stenderla. Quando è pronta prendiamo una bella teglia e facciamo un primo strato di polenta, mettiamoci dei generosi fiocchetti di burro, la fontina tagliata a listarelle non troppo grosse perchè deve sciogliersi e diventare una crema profumata che riempia il palato di gusto e calore.


     Copriamo con un altro strato di polenta, burro e una manciata di parmigiano moooooolto generosa. E via in forno a gratinare.



     Non farete a tempo a porzionarla che finirà con la velocità della luce. E per gli amanti della fontina sarà un piacere venire circondati dal profumo di uno dei più nobili formaggi italiani.

Nessun commento:

Posta un commento