Benvenuti!!! Welcome!!!

05 - 12 - 2012
Ed ecco il lieto evento, è nata un'aragosta blu!!!
Perché l'aragosta blu? Intorno a giugno del 2012 fu pescato un'esemplare di aragosta blu in Nuova Scozia, Canada. La probabilità di trovarne una è all'incirca una su due milioni. Il particolare colore è dovuto a un difetto genetico del pigmento del carapace, un po' come le tigri o i leoni albini.Mi sembrava quindi carino identificare il mio blog come qualcosa che va oltre le solite ricette di cucina. Qui si parlerà di tecniche, di cucina della nonna, di metodi dimenticati, di cene a tema per stupire, di etnico, di preparazioni fatte in casa. Tutto quello che riguarda la cucina in un discorso un po' più vasto e diverso dal solito.Condividerò quindi 20 anni circa di ricerca, di studio, di osservazioni e di tanta passione. Adesso accomodatevi e prendiamoci un caffè...

mercoledì 15 gennaio 2014

Asiago condito

Asiago condito

Piatto finale


"Un no bene acconciato è alle volte più gustoso di un sì mal condito" Ettore Mazzuchelli, scrittore e aforista italiano Manuale di massime, sentenze e pensieri sopra diverse materie, 1769



     Ed ecco l'ultimo componente del mio piatto di tris di formaggi, che è qualcosa che si può fare sempre, con minimi ingredienti, e velocissimo. Io lo servo usualmente quando non so che contorno fare o come accompagnamento a un aperitivo: dotate i vostri ospiti di stuzzicadenti e vedrete scatenarsi l'inferno!

INGREDIENTI:
per 2 persone

  • Asiago 150/200 g (o comunque formaggio semi stagionato a scelta)
  • peperoncini piccanti
  • olio EVO di ottima qualità
PREPARAZIONE:

     Io in genere uso l'asiago perché mi piace, ma si prestano benissimo tutti i formaggi semi stagionati, è solo una questione di gusto personale. Innanzitutto prendo i peperoncini, li faccio a fettine e li metto in un ottimo olio extravergine, giusto per far insaporire l'olio mentre preparo il resto. Io ho usato gli habanero del mio orto che avevo congelato, e non hanno avuto bisogno di molto tempo per insaporire l'olio perché sono letteralmente infernali! Ma a me il piccante piace...

I peperoncini in infusione nell'olio

     Li ho lasciati lì a decantare mentre facevo un'operazione semplicissima: tagliavo a cubetti il formaggio. A me piacciono cubetti non molto grossi, ma se li offrite con l'aperitivo vanno benissimo anche tagliati delle dimensioni di una noce. Anche qui si può spaziare come si vuole. Una volta tagliati, (e consiglio di fare quest'operazione appena tolto il formaggio dal frigo in maniera da rendere il tutto più agevole) in una ciotolina li mescoliamo bene bene col composto di olio e peperoncino.

Mescoliamo il formaggio con l'olio e peperoncino e condiamolo bene

     A questo punto se non manca molto per andare a tavola io consiglio di lasciarli fuori dal frigo, perché a temperatura ambiente, quindi più morbidi e meno freddi, risultano molto più gradevoli. Niente però vieta di prepararli con moltissimo anticipo, quindi basta rimetterli in frigo (anzi meglio così il formaggio prende bene il condimento) e toglierli un'oretta prima di andare a tavola.

     Io li ho serviti in bicchierini individuali perché mi servivano per comporre il piatto del tris di formaggi, ma nonostante l'estrema semplicità è un piatto così buono che lo si divora letteralmente!



Nessun commento:

Posta un commento