Benvenuti!!! Welcome!!!

05 - 12 - 2012
Ed ecco il lieto evento, è nata un'aragosta blu!!!
Perché l'aragosta blu? Intorno a giugno del 2012 fu pescato un'esemplare di aragosta blu in Nuova Scozia, Canada. La probabilità di trovarne una è all'incirca una su due milioni. Il particolare colore è dovuto a un difetto genetico del pigmento del carapace, un po' come le tigri o i leoni albini.Mi sembrava quindi carino identificare il mio blog come qualcosa che va oltre le solite ricette di cucina. Qui si parlerà di tecniche, di cucina della nonna, di metodi dimenticati, di cene a tema per stupire, di etnico, di preparazioni fatte in casa. Tutto quello che riguarda la cucina in un discorso un po' più vasto e diverso dal solito.Condividerò quindi 20 anni circa di ricerca, di studio, di osservazioni e di tanta passione. Adesso accomodatevi e prendiamoci un caffè...

mercoledì 23 aprile 2014

Mignon di salame di cioccolato e pasta di mandorle con visciole sotto spirito


3-con le visciole sotto spirito

"Attualmente mi godo una relazione con due uomini fantastici: Ciocco e Lato" Renée Zellweger dal film "Che pasticcio, Bridget Jones!"


     Cioccolato, pasta di mandorle, visciole sotto spirito....Fino a che non si mette in bocca non si può capire quanto è buono e come meravigliosamente si fondano insieme i gusti. L'abbinamento è inusuale ma assolutamente vincente. Il salame di cioccolato non è altro che una vecchissima ricetta che seguo da quando ero piccola, cioè quella del salame vichingo sul "manuale di nonna papera". E' stato con quel manuale che ho iniziato, piccolissima, ad avvicinarmi alla cucina. L'ho lievemente modificata per adattarla a questa ricetta, ho quindi tolto un poco di zucchero e ho aggiunto il cioccolato fondente, per bilanciare la dolcezza della pasta di mandorle.

INGREDIENTI:
per il salame di cioccolato
  • 2 tuorli
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 100 g. di burro
  • 3 cucchiai di cacao amaro
  • 1/2 bicchierino di rum
  • 400 g di biscotti secchi
  • 150 g di cioccolato fondente
inoltre:
  • pasta di mandorle
  • visciole (o ciliege o amarene) sotto spirito
PREPARAZIONE:

     Premessa: la pasta di mandorle non l'ho fatta io, l'avevo comprata online e me la sono fatta arrivare sin da Palermo. Ed è stata un'ottima idea, perché nemmeno in un milione d'anni avrei fatto con le mie dolci manine una pasta di mandorle così buona e delicata. Non era nemmeno eccessivamente dolce, ho assaggiato delle paste di mandorla così dolci da risultare stucchevoli e sgradite, ma questa era veramente un velluto. Ovviamente chi è esperta può tranquillamente farla in casa, io non avendola mai fatta ho preferito non rischiare.

     Iniziamo col salame di cioccolato, che è la solita, cara, vecchia preparazione che si fa dalla notte dei tempi. Ho messo nella planetaria tuorli e zucchero e li ho sbattuti con la frusta fino a che non sono diventati bianchi e spumosi. Ho aggiunto il burro che nel frattempo avevo fatto sciogliere qualche secondo nel microonde, il cacao, il cioccolato fondente e il rum. Una volta mescolato il tutto, ho spezzettato grossolanamente i biscotti e li ho uniti all'impasto, e ho mescolato ancora. A quel punto l'impasto è diventato solido, l'ho messo su un foglio di carta forno e gli ho dato la classica forma del salame. Ho chiuso bene e l'ho messo in frigo a rassodare. 

     Io l'ho lasciato una notte perché mi serviva per il giorno dopo, altrimenti 4 ore circa bastano per rassodarlo in modo di riuscire a tagliarlo col coltello.  Siccome dovevo servirlo a Pasqua, ed eravamo in 12, ne ho fatto proprio un assaggino a testa, anche perché a fine pasto saremmo già stati belli sazi, quindi ne ho fatto una quindicina. Ho tagliato le fette di salame abbastanza spesse e con un piccolo coppapasta ho fatto dei cerchi. Ho tagliato delle fette di pasta di mandorle (anche loro abbastanza spesse) e, con un coppapasta leggermente più piccolo ho tagliato altrettanti cerchi. Io li ho fatti asimmetrici perché mi piacevano, ma niente vieta di farli della stessa misura

1-Salame di cioccolato e pasta di mandorla pronte


     Li ho messi così in frigo, coperti da una pellicola di alluminio, perché avrei messo le visciole sotto spirito solo al momento di servirle, altrimenti il liquore avrebbe inzuppato troppo. Io ne ho assaggiata una giusto per capire cosa stavo propinando ai miei ospiti, e sono rimasta fulminata sulla via di Damasco! Un'associazione che avrei definito improbabile è....non si può dire cosa è! Inutile dire che nel giro di pochi nanosecondi sono finiti. Meno male che ne avevo assaggiata una in privata sede!!!

3-con le visciole sotto spirito

Nessun commento:

Posta un commento