Benvenuti!!! Welcome!!!

05 - 12 - 2012
Ed ecco il lieto evento, è nata un'aragosta blu!!!
Perché l'aragosta blu? Intorno a giugno del 2012 fu pescato un'esemplare di aragosta blu in Nuova Scozia, Canada. La probabilità di trovarne una è all'incirca una su due milioni. Il particolare colore è dovuto a un difetto genetico del pigmento del carapace, un po' come le tigri o i leoni albini.Mi sembrava quindi carino identificare il mio blog come qualcosa che va oltre le solite ricette di cucina. Qui si parlerà di tecniche, di cucina della nonna, di metodi dimenticati, di cene a tema per stupire, di etnico, di preparazioni fatte in casa. Tutto quello che riguarda la cucina in un discorso un po' più vasto e diverso dal solito.Condividerò quindi 20 anni circa di ricerca, di studio, di osservazioni e di tanta passione. Adesso accomodatevi e prendiamoci un caffè...

giovedì 4 settembre 2014

Pane Dukan PP/PV

02-lo farciamo come vogliamo

"Riflessione: l'atto di esaminare la propria fetta di pane per determinare da che parte sta il burro." Ambrose Bierce (1842 - 1914) scrittore, giornalista e tra i più caustici aforisti statuninensi.



     Sempre a dieta. Almeno il tempo che passo per mettere ricette dietetiche sul mio  blog non lo uso per cercare di resistere a qualche tentazione dell'ultimo minuto! Anche se .... con un panino così, chi ha bisogno delle tentazioni?

INGREDIENTI:
per un panino
  • 3 cucchiai di crusca d'avena
  • 3 cucchiai di crusca di grano
  • 3 cucchiai di glutine
  • 1 cucchiaio di latte in polvere
  • 1/3 di panetto di lievito di birra (o 1/2 bustina di lievito in polvere istantaneo)
  • latte o acqua q.b.
  • 2 cucchiai di formaggio spalmabile light (opzionale)
  • sale q.b.
  • erbe aromatiche a piacimento
PROCEDIMENTO:

     Metto nel frullatore le due crusche, e per qualche minuto le faccio andare alla massima velocità. Lo faccio per cercare di renderle più fini. Non diventano proprio come la farina ma sono meno grossolane. Fatto questo le metto in una ciotola,e aggiungo tutto il resto degli elementi solidi. Il formaggio alle volte non lo metto nemmeno. A piacere si può mettere lo yogurt, che io non uso per fare il pane perché mi lascia un retrogusto acido, ma a chi piace va benissimo.

     Sul liquido non sono mai riuscita a quantificarlo perché vado sempre a occhio, ma come indicazione in genere è 1/2 bicchiere, più o meno. Bisogna metterne un poco alla volta, mescolando, deve diventare una specie di panetto morbido, d'altra parte ci vuole un poco di umidità per permettere la lievitazione, dobbiamo ricordarci che questo pane è fatto senza farina.. Non sarà come il panetto della pasta all'uovo, sarà più granuloso e appiccicoso, infatti io lo metto a cucchiaiate nella teglia, l'importante è che non sia liquido. Infatti non si riesce a impastare con le mani come il pane normale, va mescolato col cucchiaio. 

     Adesso facciamo un distinguo: quando ho tempo uso il lievito di birra, e lascio a lievitare il tutto per 2 o 3 ore. Inutile dire che il sapore e il profumo sono quanto di più vicino ci sia al pane normale. Ma molte volte lo faccio intorno alle 19.30, quando rientro a casa dal lavoro,e allora uso il lievito in bustine istantaneo.  A parte la tempistica della lievitazione, poi il procedimento è uguale per tutte e due le opzioni. 
     Viene fatto cuocere nel forno già caldo a 170° o 180°, per circa mezz'ora o 3/4 d'ora. Siccome le dosi sono aumentabili in proporzione, perché alle volte ne faccio una quantità più grande in modo da togliermi il pensiero per qualche giorno, ovviamente la durata della cottura aumenterà. Per queste dosi siamo fra la mezz'ora e i 3/4 d'ora. Ovviamente se facciamo dosi maggiori dobbiamo stare attenti a non sforare la quantità di crusche giornaliere, ma in genere è difficile superarle perché è un panino molto sostanzioso e che dà subito una grande sensazione di sazietà. Con le quantità più grandi il resto del pane si conserva agevolmente in frigorifero ben chiuso nella pellicola trasparente.

     Fodero una mia piccola teglia con la carta forno, metto l'impasto dandogli la forma che preferisco (se sono piccole dosi lo faccio a forma di panino tondo, se ne faccio di più lo metto in uno stampo da plum-cake per averlo tipo "baguette") e lo inforno. Deve risultare bello colorito.

01-Pane Dukan pronto


     Sembra proprio vero!!! E il bello è che fuori è bello croccantino, e dentro più morbidoso. Bhe non ha certo l'alveolatura del pane o la morbidezza della mollica, ma direi che è un ottimo succedaneo. Io con questo pane mi sono fatta un panino, in un giorno PV, e l'ho farcito con melanzane grigliate, insalata verde, qualche fetta di pomodori, straccetti di pollo lesso, e maionese Dukan! La cosa più bella è stata vedere le facce di chi mi stava intorno, continuavano a dirmi "ma non eri a dieta?" E' stata un'impresa cercare di far capire che questo panino E' da dieta!!!!

02-lo farciamo come vogliamo







03-Farcito e con la maionese Dukan





04-Panino Dukan sfizioso












































2 commenti:

  1. Scusa, mi sapresti dire la dose giornaliera???grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grosso modo sulle dosi di questa ricetta ne facevo metà o un terzo. Considera che molto spesso ne facevo di più per ottimizzare il tempo e per ritrovarmelo per uno o due giorni già pronto.

      Elimina