Benvenuti!!! Welcome!!!

05 - 12 - 2012
Ed ecco il lieto evento, è nata un'aragosta blu!!!
Perché l'aragosta blu? Intorno a giugno del 2012 fu pescato un'esemplare di aragosta blu in Nuova Scozia, Canada. La probabilità di trovarne una è all'incirca una su due milioni. Il particolare colore è dovuto a un difetto genetico del pigmento del carapace, un po' come le tigri o i leoni albini.Mi sembrava quindi carino identificare il mio blog come qualcosa che va oltre le solite ricette di cucina. Qui si parlerà di tecniche, di cucina della nonna, di metodi dimenticati, di cene a tema per stupire, di etnico, di preparazioni fatte in casa. Tutto quello che riguarda la cucina in un discorso un po' più vasto e diverso dal solito.Condividerò quindi 20 anni circa di ricerca, di studio, di osservazioni e di tanta passione. Adesso accomodatevi e prendiamoci un caffè...

domenica 26 ottobre 2014

Eclairs panna e cioccolato con frutti di bosco e succo d'acero


03-eclairs panna e frutti di bosco




























"Non c'è dolcezza nei sogni se non fino a che non rimangono tali, che non si avverano mai." cit. Giorgio Faletti dal libro Pochi inutili nascondigli



     Alzi la mano chi non ha mai avuto momenti in cui si è alla spasmodica ricerca di qualcosa di buono, sfizioso, opulento, che soddisfi e appaghi i sensi più che lo stomaco, quei momenti di fame che non sono fame, ma sono ricerca di un "qualcosa"! Tutto è iniziato qualche giorno fa mentre stavo vedendo un vecchio film degli anni '80 in dvd, precisamente Victor-Victoria con la grande Julie Andrews. Ebbene,  nelle scene iniziali si vede lei che guarda da una vetrina un ricco signore che fa colazione con una cioccolata calda mentre affonda i denti in un morbidissimo dolce, credo un bignè o un éclairs o qualcosa del genere, pieno di panna, che per effetto del morso esce fuori sporcando tutto il mento.

     Il film l'avevo visto e rivisto, ma quella scena, che pur conoscevo, mi ha fatto venire una voglia di qualcosa di dolce assolutamente irrefrenabile! Io non mangio mai dolci, preferisco il salato, sarà per quello che ogni tanto mi vengono questi attacchi calorici. Ok, spengo il film e vado a vedere in cucina cosa ho: avevo della panna fresca da montare, bene! Avevo dei frutti di bosco, bene! Avevo il succo d'acero, bene! E avevo già in mente di farmi degli éclairs pieni e ripieni di ogni ben di Dio!

INGREDIENTI:

per gli éclairs

per il ripieno
  • panna montata
  • lamponi
  • ribes
  • succo d'acero
per la copertura
  • cioccolato fondente
abbinamento vino(dai siti FISAR e VINIT)
  • marsala vergine semisecco
  • moscato DOC dei colli euganei
  • moscadello di Montalcino DOC
o forse, ancora meglio:
  • 1 bicchierino di un ottimo Rum

PROCEDIMENTO:

1° step: facciamo gli éclairs


     Il link della ricetta degli éclairs, cioè la classica e normale pâte à choux che ho messo fra gli ingredienti, è la mia ricetta collaudata ormai da...non mi ricordo nemmeno da quanti anni! Chi avesse la sua propria ricetta collaudata, che presumo differisca ben poco perché è una preparazione classica, usi tranquillamente la sua, perché adesso dobbiamo fare dei normalissimi éclairs con una normalissima pasta da bignè. Io li ho fatti abbastanza grandi, perché dovevano servirmi come contenitore di ripieno, quindi lunghi e cicciotti, non ho fatto i classici éclairs della grandezza di un savoiardo. E come al solito mi sono venuti belli grandi e cicciosi, il mio impasto non delude mai!

01-eclairs appena sfornati


2° step: riempiamoli!

     Non vedevo l'ora di mangiarli! Ne ho preso uno e l'ho tagliato per il lungo, come fosse un panino, e ho iniziato:

  1. uno strato generoso di panna montata
  2. lamponi
  3. una spruzzatina di sciroppo d'acero
  4. ho coperto il tutto con altra panna montata
  5. ho chiuso con l'altra metà dell'éclairs
  6. ho cosparso la parte superiore con del cioccolato fondente che avevo sciolto in un pentolino
     In pratica ho dovuto violentarmi per resistere mentre facevo le foto, ma non sapevo quando avrei rifatto questa cosa. Ho impiattato accompagnando con del ribes, io adoro da morire i frutti di bosco, e ho terminato mettendo del succo d'acero come se non ci fosse un domani! Il primo morso è stato esattamente come quello del film: panna e lamponi che scivolano sul mento! Il dolce della panna e del succo d'acero si contrapponevano molto bene alla naturale acidità dei frutti di bosco, il cioccolato stava benissimo, ma il cioccolato sta bene dappertutto! E non l'ho accompagnato coi vini che ho messo fra gli ingredienti, ma con un bicchierino di Rum Zacapa invecchiato 15 anni! Non ho parole! Alla fine ero sporca in faccia ma felicissima, provare per credere!


02-eclairs panna e frutti di bosco




























03-eclairs panna e frutti di bosco




























Nessun commento:

Posta un commento