Benvenuti!!! Welcome!!!

05 - 12 - 2012
Ed ecco il lieto evento, è nata un'aragosta blu!!!
Perché l'aragosta blu? Intorno a giugno del 2012 fu pescato un'esemplare di aragosta blu in Nuova Scozia, Canada. La probabilità di trovarne una è all'incirca una su due milioni. Il particolare colore è dovuto a un difetto genetico del pigmento del carapace, un po' come le tigri o i leoni albini.Mi sembrava quindi carino identificare il mio blog come qualcosa che va oltre le solite ricette di cucina. Qui si parlerà di tecniche, di cucina della nonna, di metodi dimenticati, di cene a tema per stupire, di etnico, di preparazioni fatte in casa. Tutto quello che riguarda la cucina in un discorso un po' più vasto e diverso dal solito.Condividerò quindi 20 anni circa di ricerca, di studio, di osservazioni e di tanta passione. Adesso accomodatevi e prendiamoci un caffè...

giovedì 23 ottobre 2014

Fagottini ai tomini e prosciutto


07-fagottino con tomini aperto





























"Un buon formaggio è sempre grasso ed è il grasso che dà forza, sapore e aroma. Il formaggio light sta al vero formaggio come una bambola gonfiabile sta a una donna." Allan Bay, giornalista enogastronomico



      Caro Allan Bay, lei ha assolutamente ragione! Saranno anche calorici, più pesanti, ma i veri formaggi sono indiscutibilmente grassi. E sono anche infinitamente più buoni. Ed oggi protagonista proprio il formaggio in tutto il suo splendore: avete presente quei momenti di serendipity, quando si ha voglia di qualcosa di diverso dal solito ma zero voglia di spignattare in cucina? quei momenti dove mentalmente si passano in rassegna vari piatti, compresa la pasta al burro, e immancabilmente si ribatte con un "non ne ho voglia"? Ecco, qualche giorno fa ero così, continuavo ad aprire la porta del frigo, a chiuderla, a riaprirla, a guardare per l'ennesima volta cosa avevo in frigo, per poi richiuderla sconsolata.

     Avevo già deciso di saltare il pasto, magari fare un pezzettino di pane e formaggio o affettato, non ne avevo proprio voglia, ma siccome dovevo pur mettere qualcosa a tavola almeno per gli altri non potevo esiimermi, ma la voglia era veramente ai minimi storici. Mi cadono gli occhi sui tomini, ma anche lì....alla piastra? No, è una vita che li mangio alla piastra...impanati e fritti? No, calorici e troppo lavoro poi avrei schizzato olio dappertutto e dopo dovevo pulire il disastro...Insomma, la "Mission Impossible" di quella giornata era il fare qualcosa di sfizioso, lavorando poco e farlo veloce. Una passeggiata, considerata la scarsa voglia che avevo!

     Mentre decidevo sconsolata adocchio il rotolo di pasta sfoglia pronto. In genere me la preparo in casa, ma per i momenti "down" è comodo avere già pronto; fra l'altro mi stava anche scadendo quindi in qualche modo dovevo farla, odio buttare il cibo. Perché non farla coi tomini? E perché non aggiungere delle cipolle stufate e morbide e un poco di affettato? Detto fatto: mi è tornata all'improvviso la voglia e mi sono fatta questa ricettina, che è sfiziosa, ha poco lavoro, e ci vuole poco tempo!!! Ed è l'ideale da fare coi ritagli di quello che rimane in frigo, la classica ricetta del riciclo insomma!

INGREDIENTI:

per 2 persone

  • 4 tomini (2 a testa)
  • 2 belle cipolle grandi
  • 4 fette sottili di prosciutto cotto
  • pasta sfoglia
  • 2 cucchiai d'olio EVO
  • 1 nocciolina di burro
abbinamento vino(dai siti FISAR e VINIT)
  • Bianco di Pitigliano
  • Monferrato bianco DOC



    PROCEDIMENTO:

    1° step: prepariamo le cipolle


         Intanto accendiamo il forno, e lo portiamo a 180/200°. Mentre aspettiamo che si scalda con una mandolina affettiamo finemente le cipolle, ce ne devono essere un bel po' perché cuocendo diventeranno la metà, in quanto si ridurranno quasi a crema. Metto una padella con un poco di olio e giusto una nocciolina di burro, che serve a rendere più morbide le cipolle. Quando l'olio è caldo ma non bollente, versiamo le nostre cipolle, e con pazienza, senza farle bruciare ma facendole appassire, le cuociamo. La fiamma dovrà essere medio-bassa, e per farle stufare meglio possiamo aggiungere di quando in quando due dita d'acqua, e se le cuociamo coperte svilupperanno l'umidità necessaria che permetterà loro di appassire. Alla fine dovranno avere una consistenza quasi cremosa.


    01-prepariamo la crema di cipolle


         La tempistica sarà all'incirca un quarto d'ora o poco più, non ci vuole molto per stufare le cipolle.Una volta pronte, le ho travasate in un colino per far scolare l'unto in eccesso. Se troppo bagnate infradiciano la pasta sfoglia e addio copertura croccante.

    2° step: prepariamo i fagottini

    Srotoliamo la pasta sfoglia e la dividiamo in 4 pezzi. Mettiamo gli ingredienti in quest'ordine:

    1. le fette di prosciutto
    2. le cipolle stufate
    3. il tomino
    4. altre cipolle stufate

    03-sequenza di rimepimento


         Perfetto! Adesso facciamo il fagottino stando attenti a chiudere bene ogni buchetto, se no ci ritroveremo con formaggio sciolto dappertutto.

    04-chiudiamo i fagottini



    3° step: impiattiamo!

         Mettiamoli su una teglia che avremo foderato di carta da forno con la chiusura in basso. E facciamoli cuocere in forno caldissimo per circa 15 minuti o comunque fino a che non saranno belli dorati.

    05-appena sfornati

         Ed eccoli pronti! Dai fagottini non è uscito formaggio, che è la cosa che mi preoccupava di più. Appena sfornati non li abbiamo mangiati subito, ma li ho messi nei piatti (non lasciamoli nella teglia se no continuano a rimanere caldi) e li ho lasciati lì mentre con calma facevo la tavola e aprivo una bella bollicina così, perché ne avevamo voglia. Li ho fatti aspettare prima di mangiarli perché prevedevo di trovare il formaggio completamente liquefatto, quindi l'ho fatto ricompattare per una decina di minuti, il che ha fatto sì che il formaggio non avesse la temperatura del magma incandescente, per poterli aprire agevolmente evitando l'uso del cucchiaio. Avevamo così tanta fame che abbiamo aspettato proprio lo stretto necessario, ma alla fine i piatti erano belli puliti! Sfizioso e veloce, cosa si può volere di più?


    06-fagottino con tomini

















    07-fagottino con tomini aperto













    Nessun commento:

    Posta un commento