Benvenuti!!! Welcome!!!

05 - 12 - 2012
Ed ecco il lieto evento, è nata un'aragosta blu!!!
Perché l'aragosta blu? Intorno a giugno del 2012 fu pescato un'esemplare di aragosta blu in Nuova Scozia, Canada. La probabilità di trovarne una è all'incirca una su due milioni. Il particolare colore è dovuto a un difetto genetico del pigmento del carapace, un po' come le tigri o i leoni albini.Mi sembrava quindi carino identificare il mio blog come qualcosa che va oltre le solite ricette di cucina. Qui si parlerà di tecniche, di cucina della nonna, di metodi dimenticati, di cene a tema per stupire, di etnico, di preparazioni fatte in casa. Tutto quello che riguarda la cucina in un discorso un po' più vasto e diverso dal solito.Condividerò quindi 20 anni circa di ricerca, di studio, di osservazioni e di tanta passione. Adesso accomodatevi e prendiamoci un caffè...

mercoledì 12 ottobre 2016

Crostini con carpaccio e crema di tartufo


crostini con carpaccio e crema di tartufo
crostini con carpaccio e crema di tartufo
Sid Waterman (Woody Allen): "Io ho comprato il mio primo carpaccio con le vincite a poker." Peter Lyman (Hugh Jackman): "Lei ha comprato una tela di Carpaccio???" Syd: "No, non di tela: di tonno!" Lyman: "...ho bisogno di bere..." dal film Scoop, 2006


     Avevo una piccola cena ed ero indecisissima sul cosa fare come antipasto. Volevo qualcosa che potessi preparare prima, qualcosa di fresco, di leggero, di poco impegnativo, niente fritti...insomma, chiamarmi incontentabile era ancora poco. Mentre il giorno prima ero dal mio macellaio, quello buono, quello che ha la carne splendida, la signora prima di me si fa affettare del carpaccio. Ok penso io, posso fare un carpaccio come antipasto, anche se mi sembrava già fatto e rifatto ho deciso di prendere anche io delle fette di carpaccio, poi qualcosa avrei inventato.

     E mentre tornavo a casa in macchina, ho pensato a dei crostini di carpaccio....perché no? Ho deciso di farli in due modi: uno con pane, crema di tartufo, carpaccio e funghi champignon crudi, e l'altro con pane, crema di tartufo, carpaccio, condimento di rucola e una scaglia di parmigiano. Un classicissimo carpaccio ma curato nella presentazione e fatto come un finger food.


INGREDIENTI:

per 4 persone


  • 20 o 25 fette sottili di manzo per carpaccio
  • 3 o 4 fette di pane rustico
  • funghi champignon freschi
  • un mazzetto di rucola
  • qualche scaglia di parmigiano
per la crema di tartufo nero estivo
  • 1 tartufo medio
  • una noce di burro
  • sale qb
abbinamento vino
  • Sagrantino di Montefalco
  • Nebbiolo del Piemonte
  • Pomerol
  • Saint Emilion

PROCEDIMENTO:


1° step: la crema di tartufo


     Avevo un tartufo estivo scorzone, ormai credo uno degli ultimi. Fedele al teorema di Carlo Cracco che recita che il tartufo bianco va usato crudo, e quello nero cotto, ho preparato in maniera molto veloce questa cremina, che devo dire ha esaltato da morire profumo e sapore. Non ho fatto altro che fare a lamelle il tartufo, e farlo andare per qualche minuto in una padella dove spumeggiava del burro. Ho poi frullato il tutto, aggiungendo in caso di bisogno il sale, ed è risultata una cremina spettacolare (e la rimanenza l'ho poi usata per delle tagliatelle fresche che mi sono fatta il giorno dopo). Tempo tecnico: circa una decina di minuti.

2° step: abbrustoliamo il pane

     Ho preso il mio vecchio e fido testo, e l'ho messo a scaldarsi sul fuoco, dove poi ho messo a bruschettare le fette di pane, girandole più volte. Attenzione a non distrarsi, è un attimo farle bruciare, e direi che anche qui il tempo tecnico è stato di una manciata di minuti.

01-tostiamo il pane

3° step: il condimento di rucola

      Piccola premessa: non faccio altro che sentir dire che la rucola si usava negli anni '80, che c'era dappertutto, basta rucola, ecc.ecc.ecc. Io dissento. E' vero che in quegli anni se ne faceva un'uso smodato, sono d'accordo e ne sono consapevole, ma non mi interessa, perché io adoro la rucola! Come faccio a non usarla? Ho un vaso nel mio giardinetto degli aromi che esplode di rucola, ogni tanto passandoci accanto ne prendo qualche foglia e me la mangio perché è deliziosa, con quel bel piccantino pungente... non mi interessa se ne abusavano negli anni '80, io trovo che è un'erba splendida, più saporita e decisa della lattuga per esempio, e con proprietà davvero particolari, quindi ho optato per un bel condimento alla rucola da mettere sui miei crostini.

     Anche qui velocissimo: laviamo bene la rucola, la scoliamo e l'asciughiamo, oppure basta lasciarla all'aria una mezz'ora stesa su un panno perché si asciughi un poco. Io l'ho tagliata abbastanza sottile, ma non l'ho frullata, non volevo farne una sorta di pesto, l'ho messa in una ciotola e l'ho condita con un ottimo olio EVO. Sale e pepe, e anche questo è pronto.

02-rucola

4° step: assembliamo e serviamo

     Il momento di assemblare è stato ugualmente velocissimo: dalle fette di pane ho coppato dei pezzi rotondi. Gli scarti sono andati nel mio contenitore per il pane da usare per il pangrattato, ma anche fare una bella pappa al pomodoro toscana o un pancotto non fa mica male! Un po' di inventiva e non si butta via niente! Ho spalmato questi panini con un velo di crema al tartufo, e vi ho adagiato sopra un paio di fette di carpaccio. Metà di questi li ho terminati con lamelle di funghi champignon crudi, l'altra metà con un poco di condimento alla rucola e una scaglia di parmigiano.

03-crostini con carpaccio
     Si possono tranquillamente fare qualche ora prima e tenere in frigo coperti dalla pellicola, avendo l'accortezza di tirarli fuori una mezz'ora circa, se no sono troppo freddi. Io ne avevo fatto un quantitativo maggiore, erano due vassoi da 10 crostini l'uno, posso assicurare che sono stati letteralmente spolverati alla velocità della luce. Non preoccupatevi se avanzano delle fettine di carpaccio..... mettetele in tavola così su un piatto, magari col resto del pane tostato, e con dell'olio e sale Maldon....spariranno anche loro!

04-crostini con carpaccio
05-crostini con carpaccio
06-crostini con carpaccio

Nessun commento:

Posta un commento