Benvenuti!!! Welcome!!!

05 - 12 - 2012
Ed ecco il lieto evento, è nata un'aragosta blu!!!
Perché l'aragosta blu? Intorno a giugno del 2012 fu pescato un'esemplare di aragosta blu in Nuova Scozia, Canada. La probabilità di trovarne una è all'incirca una su due milioni. Il particolare colore è dovuto a un difetto genetico del pigmento del carapace, un po' come le tigri o i leoni albini.Mi sembrava quindi carino identificare il mio blog come qualcosa che va oltre le solite ricette di cucina. Qui si parlerà di tecniche, di cucina della nonna, di metodi dimenticati, di cene a tema per stupire, di etnico, di preparazioni fatte in casa. Tutto quello che riguarda la cucina in un discorso un po' più vasto e diverso dal solito.Condividerò quindi 20 anni circa di ricerca, di studio, di osservazioni e di tanta passione. Adesso accomodatevi e prendiamoci un caffè...

martedì 14 novembre 2017

Salmone gravad lax finger food


gravad lax finger food

Marianne (Liv Ullman): "Credo nell'amore per il nostro prossimo. Se tutti gli esseri umani fin da piccoli imparassero a curarsi l'uno dell'altro, il mondo sarebbe diverso." dal film Scene di un matrimonio, 1973

     E ci risiamo.... il salmone gravad lax ritorna prepotentemente a fare capolino.  Sono esattamente 20 anni o poco più, da quando l'ho scoperto, che non riesco ancora ad esserne stufa. Anzi, da quando l'ho assaggiato, il normale salmone affumicato ha perso interesse. Intanto perché so cosa c'è dentro, e poi la morbidezza, il profumo, il sapore... e sulla scia del normale gravad lax, fattibile da chiunque in casa con un dispendio di fatica pari a zero, tanto per cambiare ho voluto fare questi piccoli finger food.

     Ma attenzione: rispecchiano fedelmente gli standard! Perché dico questo? Perché il gravad lax si serve comunemente con patate lesse, panna acida, pane nero di segale mitteleuropeo e la sua salsina. E questo antipasto ha proprio questi elementi, ne di più, ne di meno, cambia solo il modo di presentarlo.... ovviamente dovremo avere già bello pronto il nostro salmone marinato svedese.

INGREDIENTI:

per 4 persone
  • delle fette già pronte di salmone gravad lax (circa 8 grandi)
  • salsa gravad lax
  • 3 patate medie
  • 8 fette di pane di segale
  • crème fraîche o panna acida
  • una noce di burro
  • un mazzolino di aneto
  • un pizzico di sale
abbinamento vino
  • Dopff au Moulin - Gewürztraminer Alsace
  • Riesling Renano
  • oppure una birra, come la Weiss o la Tennent's

PROCEDIMENTO:


1° step: le patate


     Iniziamo preparando tutto, dopo dovremo solo assemblare. Essendo un piatto che non va mangiato caldo, l'unica accortezza è di prepararlo in anticipo per farlo compattare, per il resto è comodissimo. Do per scontato che sia il salmone gravad lax che la salsa gravad lax siano pronti e preparati. Le patate fungeranno da ripieno di questa specie di "involtini".

       Le ho cotte a vapore, perché quando faccio queste preparazioni, nello specifico è una specie di purè molto basico, cerco di limitare al massimo l'apporto di acqua e umidità. Cotte al vapore le patate rimangono belle sode. Le ho sbucciate e tagliate a cubettoni, le ho messe nel cestello per la cottura a vapore della pentola e pressione, due dita d'acqua sul fondo e dal momento che il coperchio comincia a "fischiare" ho calcolato 5 minuti di cottura abbassando la fiamma della metà.

     Una volta cotte, le ho schiacciate e mantecate con un poco di burro e dell'aneto tritato molto sottile. Non ho aggiunto latte come per il purè canonico perché io volevo ottenere delle patate in purezza, appena condite con burro e aneto, esattamente come fanno in Svezia. Oltretutto il composto, senza l'aggiunta di liquidi, sarebbe stato molto più compatto. Una volta terminato il mio composto, aggiustato di sale e un pizzico di pepe e mescolato benissimo, l'ho lasciato da parte fino al momento di servirmene.

01-gravad lax finger food

2° step: assembliamo il tutto


     Bhe è praticamente pronto. Dai nostri bei filetti di salmone marinato cominciamo a tagliare delle fettine, cercando di farle più sottili e regolari possibili. Le mettiamo accavallate due a due affiancate su un foglio di pellicola, per il lungo, con una sac à poche se l'abbiamo se no con un normale cucchiaio mettiamo il ripieno di patate per il lungo, e chiudiamo strettamente a involtino.

     Lasciamo poi a compattarsi in frigo. Avremo quindi creato 2 "involtini", "salsicciotti", o comunque li vogliamo chiamare, a testa, del nostro profumatissimo salmone marinato svedese intorno a una crema di patate in purezza. Stringiamo bene i lati della pellicola come fossero caramelle e lasciamo in frigo fino al momento di servircene.

3° step: serviamo


     Quando sarà il momento di servirli, prendiamo le nostre fette di pane di segale, (io le ho abbrustolite qualche minuto su una padella antiaderente ma questo passaggio si può tranquillamente bypassare), le spalmiamo con la crème fraîche mescolata con qualche fogliolina di aneto, appoggiamo sopra i nostri rotolini di salmone marinato e irroriamo con la salsa gravad lax.

      Io ho coppato le fettine di pane in una forma ovale, e l'insieme era perfetto da prendere con due dita e fare un solo boccone. L'insieme è anche strepitoso come sapore. Consiglio però di non limitarsi a solo due a testa, perché soffrono della sindrome del "vi prego datemene ancora!"

02-gravad lax finger food

Nessun commento:

Posta un commento